Mar. Ott 19th, 2021

ASD San Mariano

#noisiamosanmariano

A tu per tu con: Riccardo Bianchi

2 min read

Raccontaci un po’ la tua storia da calciatore.

Ho iniziato con il Pennaricci all’età di 10 anni, poi sono andato al San Sisto, e poi al Castel del Piano. Ho perso due treni importanti con società di Serie C nel 2005 per problemi fisici. Sono stato in prestito un anno a San Marco e un anno a Madonna Alta poiché il Castel del Piano non aveva intenzione di vendermi e puntava su di me per la prima squadra, hanno rifiutato svariate offerte. Dopo qualche anno, prima di smettere definitivamente con il calcio a 11, mi hanno chiamato con la Beretti del Perugia dove ho fatto il provino contro il Cesena: mi hanno preso e avrei dovuto iniziare con la preparazione ad anno nuovo ma ho rifiutato perché ero entrato a lavorare alla Perugina.

Conoscevi già i tuoi nuovi compagni del San Mariano?

Conoscevo solo due compagni di squadra: Andrea Paradisi era con me nelle giovanili del Castel del Piano e Mattia Merlino l’ho conosciuto a Perugia.

Quali sono gli obiettivi che ti sei prefissato come calciatore del San Mariano?

Voglio dimostrare a me stesso quanto ancora valgo e fino a che punto posso migliorarmi. Ho voglia di vincere e di fare bene come quando ancora militavo nelle serie che contano.

Cosa ti senti di dire ai tifosi biancorossi?

Ai tifosi mi sento di dire che farò del mio meglio per ottenere risultati che diano fiducia ai compagni e alla società. Prometto massimo impegno per tornare fisicamente come ero quando ancora giocavo ad alti livelli.

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.